LA COPPIA AL TEMPO DELLA “segregazione sociale”

La coppia stanca e demotivata troverà sempre più nella forzata convivenza stanchezza e demotivazione, spesso anche contrasti e litigi.

 

Tra quarantene ed isolamenti, spesso ci si ritrova chiusi in casa per lunghi periodi, non è detto però che questa “segregazione forzata”, abbia sempre e solo, una lettura negativa, a parte le interpretazioni ironiche e spiritose, crediamo invece, che questo tempo obbligatoriamente vissuto insieme metta in luce quello che era già esistente, acutizza, comunque, le situazioni già esistenti.

La coppia stanca e demotivata troverà sempre più nella forzata convivenza stanchezza e demotivazione, spesso anche contrasti e litigi.

La coppia che in sé ha ancora ” vita_vitale” riaccenderà la gioia del fare insieme, grati di un tempo più lento, ma soprattutto un tempo interno, non invaso dal tempo esterno imposto dall’altro, dal mondo del lavoro, dagli obblighi istituzionali, dagli impegni extra familiari.

Potrebbe essere sì, un atteggiamento di chiusura, un po’ individualista, ma come ci insegna la vita, occorre prima chiudersi per poi aprirsi al nuovo, fare un passo indietro per fare uno slancio in avanti.

Ritrovare un nuovo equilibrio e reinventarsi può aprire a nuove strade e nuove possibilità. Rimanere chiusi in casa non è sicuramente l’unica strada, quotidianamente possiamo fare piccoli passi per riaccendere la gioia del fare insieme.

 

Daniela

Miriam
miriam.cesari@casadellascolto.it