CASA DELLE MAMME 05 maggio 2020: allattamento e sonno del neonato

Anche oggi martedì 5 maggio 2020, ci dedichiamo a CASA DELLE MAMME, uno spazio che ha l’obiettivo di sostenere i ne0-genitori durante la gravidanza e nel primo anno di vita del loro bambino e della loro bambina.

In questo momento lo spazio è chiuso, ma continuiamo attraverso il blog a rispondere alle vostre domande.

Tra le domande che ci sono arrivate, ne abbiamo scelte due per voi….

Prima domanda:

“L’allattamento fa male perché il capezzolo deve fare il callo?”

FALSO

Le prime poppate al seno possono essere molto fastidiose per alcune mamme al limite del doloroso, ma si tratta di sensazioni che vanno scemando nel corso della poppata e che sono date dal fatto che l’allattamento è una pratica nuova anche per il seno, è necessario che si crei una “abitudine”.

Sentire invece mordere, tirare, raspare fino a sentire un dolore che aumenta durante l’arco della poppata e di poppata in poppata, non servirà a far venire il callo ma solo ragadi e ferite del capezzolo.

È importante correggere in questo caso l’attacco affinché la poppata diventi piacevole. All’inizio di ogni poppata potrebbe esserci una sensazione di indolenzimento, ma è questione di  secondi.

Se quindi il dolore è persistente e continuativo, è segnala che l’attacco al seno deve essere migliorato, per evitare problematiche successive e un corretto apporto di latte al neonato.

 

Seconda domanda:

“E’ vero che quando un neonato dorme non deve essere mai svegliato per mangiare?”

FALSA E VERA…VEDIAMO PERCHE’ E IN QUALI OCCASIONI

Appena nato il neonato potrebbe avere la necessità di dormire a lungo, spesso sono stanchi dal parto oppure hanno la necessità di smaltire lo stress accumulato durante la loro nascita. Ricordiamoci che la nascita è un momento correlato da sensazioni bellissime ma anche da una eccessiva stimolazione, a cui il neonato non è abituato.

Anche se il neonato mostra la necessità di dormire, è importante sollecitarlo ed offrirgli il seno. Questo è fondamentale per l’avvio dell’allattamento e  garantirà loro  il supporto alimentare necessario per procedere con la crescita, per iniziare a fare pipì e cacca.

Nel caso il neonato sia così addormentato da non riuscire nemmeno ad attaccarsi al seno, è necessario stuzzicarlo un pò!

Potreste ad esempio tenerlo sul petto facendo “il pelle a pelle”, l’odore del capezzolo solitamente sollecita la sua richiesta.

Anche successivamente, nelle prime settimane in particolare, è necessario che il neonato mangi, almeno ogni 3 ore ma a volte anche meno, perchè questo è fondamentale per:

  1. L’AVVIO DELL’ALLATTAMENTO E IL SUO MANTENIMENTO (se allattiamo ogni 6 ore rischiamo che a poco a poco la produzione di latte diminuisca)
  2. PER FARLO CRESCERE! se vogliamo che il nostro bambino cresca regolarmente deve poppare e una poppata ogni 6 ore è troppo poco.

Dal momento che la crescita del neonato si mostra regolare e anche le sue abitudini di sonno e veglia diventano ritmiche, possiamo pian piano adeguarci ai suoi ritmi.

Rimane fondamentale ricordare, che anche il nostro seno ha dei ritmi e se non prendiamo in considerazione i segnali del nostro corpo, rischiamo si avere delle diminuzione di latte o altri fastidi.

www.casadellascolto.it
info@casadellascolto.it

Miriam
miriam.cesari@casadellascolto.it
No Comments

Post A Comment